Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Sussidi alla genitorialità

  • Stampa

Il Consiglio di Amministrazione ha approvato il Bando 2019 per la concessione dei sussidi alla genitorialità per il quale i fondi stanziati ammontano a € 230.000,00.
I termini entro cui presentare le domande sono il 30 aprile e il 31 ottobre 2019.

Da quest’anno è possibile presentare le domande esclusivamente online, attraverso la propria area iscritti (la procedura è semplice e guidata).
Per procedere alla compilazione è necessario accedere alla nuova funzione: Invio Domande – Prestazioni – Sussidio alla genitorialità.
Al termine della procedura è NECESSARIO scaricare una copia del modello compilato che servirà da ricevuta per il richiedente e fornisce la certezza dell’avvenuta e corretta presentazione della domanda.

OGGETTO DEL SUSSIDIO

È possibile richiedere i sussidi per le spese già sostenute relativamente alle seguenti casistiche:
  • asili nido
  • baby sitting
  • scuole dell’infanzia (solo in caso di adozione ed entro 6 anni di età del bambino)

BENEFICIARI

Le veterinarie iscritte e solo in casi particolari anche i padri veterinari iscritti (morte, grave infermità della madre, abbandono o affidamento esclusivo del bambino al padre)

I richiedenti devono essere in regola con la contribuzione

IMPORTO DEL SUSSIDIO

Il Bando prevede che l’importo massimo del sussidio erogato ammonta a 300 euro mensili per un limite temporale di 8 mesi. In caso di parto gemellare o adozione plurima il sussidio è riconosciuto per ciascun figlio.

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande di partecipazione dovranno essere dovranno essere compilate e trasmesse esclusivamente online, accedendo alla propria area iscritti, entro i termini riferiti a ciascun contingente:

  • 1° Contingente: scadenza 30 aprile 2019
  • 2° Contingente: scadenza 31 ottobre 2019

A conferma e conclusione della trasmissione della domanda, è NECESSARIO scaricare una copia del modello compilato che servirà da ricevuta per il richiedente. Solo scaricando dal sistema questa ricevuta si ha la certezza dell’avvenuta e corretta presentazione della domanda. In caso di anomalie nella compilazione della domanda o nella generazione della ricevuta, occorre contattare l’Enpav (l’home page del Sito indica le varie modalità di contatto).

Le richieste di sussidio dovranno essere presentate entro 24 mesi dalla nascita del bambino o, in caso di adozione o affidamento preadottivo, entro 24 mesi dall’ingresso del bambino nel nucleo familiare. I sussidi sono concessi per le spese sostenute entro i periodi menzionati.

GRADUATORIA

Sulla base delle richieste pervenute verrà stilata una graduatoria che terrà conto principalmente del reddito del nucleo familiare (Reddito ISEE). Saranno inoltre attribuiti ulteriori punteggi in caso di particolari situazioni di disagio del nucleo familiare. Le casistiche che danno diritto a dei punteggi suppletivi sono indicate dettagliatamente nel Regolamento e nel Bando. (A titolo esemplificativo vi rientrano: separazione, divorzio, malattia, etc.). In relazione ad esse sarà necessario allegare documentazione idonea attestante la sussistenza delle condizioni previste. (Ad esempio: sentenza di separazione o di divorzio, certificazione medica, etc.).
Sono previsti inoltre ulteriori criteri necessari a definire la graduatoria in caso di medesimo punteggio conseguito, quali: maggiore anzianità iscrittiva, in subordine minore anzianità anagrafica e infine ordine di presentazione della domanda.

Come partecipare

Per partecipare è necessario compilare ed inviare, esclusivamente online attraverso la propria area iscritti all’Ente, entro i termini perentori sopra menzionati, l’apposito modello di domanda corredato della necessaria documentazione (indicata nel modello stesso), sottoelencata a titolo esemplificativo.

  • Copia dei giustificativi di spesa rilasciati dalle strutture frequentate (asili nido e scuole dell’infanzia) con indicazione sia del costo totale versato che del costo mensile sostenuto per ogni mese per il quale si richiede il sussidio
  • Copia del contratto di lavoro sottoscritto con una baby sitter e prospetti paga, ovvero copia della comunicazione di assunzione all’INPS; copia dei bollettini INPS relativi ai contributi versati
  • In caso di ricorso al libretto di famiglia INPS, copia della comunicazione inviata all’istituto concernente la prestazione, e riscontro degli adempimenti previsti.
  • In caso di adozione (o affidamento preadottivo), copia del provvedimento di adozione (o di affidamento preadottivo)
  • Copia DICHIARAZIONE ISEE del nucleo familiare del richiedente in corso di validità dell’anno della presentazione della domanda
  • Documentazione attestante la sussistenza delle particolari situazioni personali di cui ai criteri suppletivi della graduatoria (Art. 5 punto II del Bando)
  • Fotocopia di un documento di identità della richiedente in corso di validità

Si riportano di seguito:

Enpav - Regolamento per i sussidi a sostegno della genitorialità Regolamento per i sussidi a sostegno della genitorialità

Per procedere alla compilazione è necessario accedere alla nuova funzione: Invio Domande – Prestazioni – Sussidio alla genitorialità.

I padri veterinari iscritti, che rientrino tra gli aventi diritto al sussidio, devono contattare l’Ente per essere abilitati a presentare la domanda attraverso l’Area Iscritti.