Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

21/06/2014 Assemblea Nazionale dei Delegati



Assemblea Nazionale dei Delegati del 21 giugno 2014

Bilancio di Esercizio 2013 approvato all’unanimità

Il 21 giugno u.s. si è svolta l’Assemblea Nazionale dei Delegati provinciali Enpav.

Ha aperto la riunione la relazione del Presidente Mancuso che ha riassunto i recenti momenti in cui la gestione e l’equilibrio delle Casse dei professionisti sono stati messi sotto stress, dall’applicazione della spending review alla fatturazione elettronica: entrambe norme pensate per la pubblica amministrazione e applicate agli enti privatizzati, in nome della loro inclusione nell’elenco ISTAT degli organismi pubblici non economici.

Il Presidente ha quindi relazionato all’Assemblea sulle attività dell’Ente evidenziando la realizzazione di una prima parte degli obiettivi programmatici del quinquennio della gestione. Ha, tra gli atri , sottolineato il raggiungimento degli obiettivi di politica comunicativa che hanno riguardato la revisione completa del sito internet, l’intensificazione delle comunicazione on line con gli iscritti, gli incontri sul territorio.

Il Presidente Mancuso ha quindi invitato la Prof.ssa Laura Piatti, Presidente del Collegio Sindacale e rappresentante del Ministero del Lavoro.

“Il Collegio è molto soddisfatto – ha sottolineato la Piatti – dell’impianto e dei risultati della riforma del sistema pensionistico dell’Ente resa necessaria dalla richiesta ministeriale di garantire la sostenibilità a 50 anni e delle scelte di investimento fatte, ma anche, più in generale, del lavoro del Consiglio di Amministrazione, che condivide  e discute con estrema trasparenza ogni sua scelta, chiedendo sempre l’avallo e il contributo del Collegio Sindacale”. Ha anche evidenziato l’apprezzamento per la volontà del Consiglio di definire il modello di gestione degli investimenti immobiliari , integrandolo con il modello già esistente e relativo alla parte mobiliare.

La relazione del  Vicepresidente Scotti ha avuto come tema l’andamento del mercato mobiliare e dei relativi investimenti dell’Ente: “Si comincia a vedere un pò di luce in fondo al tunnel della crisi. L’asset di Enpav – ha sottolineato il Vicepresidente - è molto vicino a quello strategico ottimale e questo ci rende soddisfatti della  una gestione diversificata e di un attento risk management”.

Il Consigliere Davide Zanon ha spiegato ai Delegati l’iter formale seguito da Enpav nella gestione del rischio legato agli investimenti mobiliari, sia nella fase di scelta dei prodotti che di successivo monitoraggio, mentre il Consigliere Ezio Abrami ha presentato l’ultimo investimento immobiliare realizzato dall’Ente.

Al Consigliere Oscar Gandola il compito di chiudere il cerchio delle relazioni introduttive dell’Assemblea, descrivendo il processo di riorganizzazione della struttura, che l’Ente ha di recente intrapreso con l’obiettivo di migliorare i processi attuali e di strutturare un nuovo sistema di valutazione delle performance.-

Vari  i punti all’ordine del giorno.

E’ stato modificato l’art. 42 del Regolamento di Attuazione allo Statuto dell’Ente, che disciplina i prestiti agli iscritti. Le modifiche, approvate all’unanimità, prevedono l’innalzamento dell’ammontare massimo del prestito fino a 50.000 Euro e il passaggio da una scadenza semestrale a trimestrale per il pagamento delle rate ,fermo restando i limite di 7 anni per la restituzione. In un momento di credit crunch, queste due misure costituiscono una fondamentale presa di respiro per i Medici Veterinari che possono trovare nei prestiti concessi dall’Ente un aiuto concreto nell’apertura o negli interventi di sviluppo della propria attività o nella ristrutturazione della casa.

Approvazione unanime anche per le modifiche del Regolamento sul riscatto degli anni di laurea e del servizio militare.

Le novità più rilevanti sono l’introduzione della possibilità di un riscatto anche parziale degli anni di studio e la possibilità di riscattare, fino a tre anni, il periodo di scuola di specializzazione e di tirocinio extracurriculare. Un’opportunità, quella del riscatto della laurea, di cui spesso i giovani iscritti non avvertono in pieno la rilevanza, mentre è fondamentale trasmettere l’importanza di accedere al riscatto nei primi anni della propria vita lavorativa, quando, per ragioni anagrafiche e reddituali, la convenienza è massima.

Entrambe le delibere assembleari devono essere ora trasmesse ai Ministeri vigilanti per l’approvazione di competenza.

E’ stato infine presentato all’Assemblea il Bilancio d’esercizio 2013 anch’esso approvato all’unanimità dai presenti: al 31/12/2013 il patrimonio netto dell’Ente ha registrato un incremento del 10,98% rispetto a quello dell’anno precedente, con un tasso di rendimento del patrimonio del 2,15%. Il conto economico del bilancio, che riassume i risultati dell’attività gestionale svolta nell’anno, mostra un utile d’esercizio in crescita dell’11,11% rispetto al 2012. Positivi anche gli indicatori relativi al rapporto iscritti/pensionati  e entrate contributi /uscite per prestazioni.

L’aumento dei costi (+9,62%) è da ricondurre essenzialmente all’onere per le prestazioni previdenziali e assistenziali, agli oneri finanziari e tributari, nonché agli accantonamenti per fondi. I costi strettamente legati alla gestione sono infatti diminuiti quasi del 3%.

I ricavi 2013 hanno visto un aumento del 10,19% con un +8,46% di aumento delle entrate contributive.

Nella parte finale dell’Assemblea è stato preso l’impegno di dare la massima attenzione alle veterinarie che si trovano ad affrontare una gravidanza a rischio, attraverso lo strumento delle provvidenze straordinarie.