Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Riscatto anni di laurea/servizio militare

REQUISITI:
  1. iscrizione all’Ente al momento della domanda (inclusi i pensionati di invalidità)
  2. anzianità di iscrizione e contribuzione di almeno tre anni
  3. regolarità contributiva

 

PERIODI RISCATTABILI:

  • durata del corso legale di laurea in Medicina Veterinaria
  • periodo del servizio militare obbligatorio o del servizio civile sostitutivo
  • titoli e tirocini attinenti la professione veterinaria legalmente riconosciuti in Italia, con una durata non inferiore ad un anno accademico, nella misura massima di tre anni.


Novità: il riscatto può essere esercitato per uno o più anni, e/o per uno o più semestri, a scelta dell’iscritto.

ESCLUSIONI:
  • periodi coperti da altra contribuzione obbligatoria, volontaria o figurativa
  • periodi già riscattati presso altra Cassa o Ente previdenziale pubblico o privato

 

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
La domanda di riscatto deve essere redatta in conformità alle vigenti norme in materia di autocertificazione e su apposito modulo predisposto dall’Ente.
La domanda deve essere trasmessa con raccomandata a.r., mediante fax o a mezzo posta elettronica certificata e non produce effetti vincolanti sino all’effettuazione del versamento dell’intero onere comunicato dall’Ente, ovvero delle prime tre rate dello stesso in caso di pagamento in forma rateale.
 
ONERE DA VERSARE
L’iscritto deve versare un contributo di importo tale da assicurare la riserva matematica necessaria per la copertura assicurativa relativa al periodo da riscattare.
 
MODALITA’ DI PAGAMENTO
L’iscritto, entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione dell’Ente inerente l’ammontare dell’onere da versare, deve decidere se pagare l’intera somma comunicata in un’unica soluzione ovvero provvedere al versamento delle prime tre rate del piano di dilazione accordato, a pena di decadenza della domanda.

Il numero delle rate, a cadenza bimestrale, non potrà essere superiore al numero delle mensilità riscattate con la maggiorazione di interessi pari al tasso di rivalutazione annuale dei contributi dell’anno della domanda. Il tasso di rivalutazione rimane costante per l’intero periodo dei pagamenti.