Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Cancellazione dall'Ente

(Art. 1 comma 2 e 3 del Regolamento di Attuazione allo Statuto)
 
MODALITA’ DI RICHIESTA
Per potersi cancellare dall’Enpav, mantenendo l’iscrizione all’Albo professionale, il veterinario deve presentare domanda all’Ente in cui dichiari di essere in possesso dei seguenti requisiti:
  1. prima iscrizione all’Albo professionale dopo il 27 aprile 1991;
  2. esercizio “in forma esclusiva” di attività di lavoro dipendente o autonomo;
  3. iscrizione ad altra forma di previdenza obbligatoria.

 

DECORRENZA DELLA CANCELLAZIONE
La cancellazione decorre dalla data di spedizione della domanda, risultante dal timbro postale di invio della stessa.
 
PERSISTENZA DELLA CANCELLAZIONE
Il Veterinario è tenuto a comunicare all’Ente ogni eventuale variazione sopravvenuta delle condizioni che hanno determinato l’accoglimento dell’istanza di rinuncia all’iscrizione.
 
OBBLIGHI DEI CANCELLATI
Gli iscritti all’Albo Professionale che si sono cancellati dall’ENPAV, sono tenuti:
  1. a versare annualmente il contributo di solidarietà, tramite bollettini M.AV.;
  2. ad inviare annualmente il Modello 1 per la comunicazione all’Ente dei dati reddituali.


Possono tuttavia richiedere l’esonero dall’invio del Modello 1 mediante presentazione della modulistica messa a disposizione dall’Ente.