Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Contributo di solidarietà

SOGGETTI TENUTI AL PAGAMENTO
Tutti i veterinari iscritti agli Albi professionali e non all’Ente.
 
MISURA MINIMA DEL CONTRIBUTO
(anno 2017)
I veterinari che hanno rinunciato all’iscrizione all’ENPAV perché svolgono esclusivamente attività di lavoro dipendente o autonomo e sono iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria, sono tenuti al versamento di un contributo minimo di solidarietà di importo non inferiore ad € 219,50 annui.

Misura percentuale del contributo
I veterinari iscritti all’Albo professionale, che siano iscritti anche in Albi relativi ad altre professioni ed abbiano optato per l’iscrizione ad altro Ente, nonché i veterinari che hanno rinunciato all’iscrizione all’Ente in quanto hanno compiuto i 68 anni di età senza aver maturato il diritto a pensione, sono obbligati a versare all’Enpav un contributo di solidarietà pari al 3% del reddito professionale di veterinario prodotto nel corso dell’anno precedente, oltre al 2% del volume d’affari dichiarato.
 
DEDUCIBILITA’ DEL CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA’
Con la nota n. 954-197049/2009 del 31 dicembre 2009, l’Agenzia delle Entrate ha riconosciuto la deducibilità del contributo di solidarietà dal reddito complessivo dichiarato ai fini IRPEF.