Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Contributo modulare

NATURA DEL CONTRIBUTO
Contributo facoltativo da versare per un numero minimo di cinque anni, anche non consecutivi, ai fini di acquisire il diritto all’erogazione, in aggiunta alla pensione base retributiva ed unitamente a questa ultima, di una pensione aggiuntiva calcolata con il metodo contributivo con dei correttivi.
 
SOGGETTI AMMESSI AL PAGAMENTO
Tutti gli iscritti attivi e i pensionati di invalidità ai quali mancano più di cinque anni dal raggiungimento del diritto alla pensione base.
 
MISURA PERCENTUALE DEL CONTRIBUTO
Il contributo modulare annuo è pari ad una percentuale variabile (dal 2% al 14%) del reddito professionale  prodotto nell’anno precedente e dichiarato nel Modello 1, ovvero  del reddito convenzionale nel caso di reddito professionale pari a zero, negativo o inferiore al suddetto reddito convenzionale.
 
MODALITA’ DI ESERCIZIO DELLA SCELTA
Tramite il Modello 2 inviato dall’Ente, nel quale viene richiesto di barrare con una X l’aliquota da applicare al reddito professionale dichiarato nel Modello 1.
 
MODALITA’ DI VERSAMENTO
Se il contributo modulare è di importo inferiore a 1.500,00 Euro, il versamento deve avvenire in un’unica soluzione entro il 30 settembre dell’anno successivo alla presentazione del Modello 2;
Se il contributo modulare è superiore o uguale a 1.500,00 Euro vengono automaticamente emessi 2 M.Av. con scadenza 30 settembre e 30 novembre.
 
DEDUCIBILITA’ DEL CONTRIBUTO
In base all’art. 10, lett. e) del T.U.I.R. come modificato dall’art. 13 del D.Lgs. 47/2000, sono integralmente deducibili i contributi versati facoltativamente alla forma di previdenza obbligatoria.