Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

16/03/2017 Elezioni Delegati Provinciali Enpav

Esito elezioni Delegati provinciali Enpav

 

Si sono concluse le elezioni dei Delegati provinciali Enpav.

I 100 Ordini hanno completato le operazioni di voto che li ha visti impegnati nei mesi di gennaio e febbraio.

Sono stati presentati solo due ricorsi ed il Cda dell’Ente ha accolto quello  avverso le elezioni del Delegato dell’Ordine di Salerno. Come previsto nel Regolamento elettorale, il ricorso non sospende l‘efficacia del risultato elettorale, pertanto il Delegato di Salerno neoeletto rimarrà in carica con pieni poteri fino alla nuova elezione

Rispetto alla composizione precedente, sono 29 i Delegati neoeletti di cui 9 sono donne. Sui 100 Delegati, sono in tutto 18 le rappresentanti delle professioniste.

Aumenta il gruppo dei giovani colleghi che hanno meno di 40 anni.

L’Assemblea dei Delegati, nella sua nuova composizione, sarà convocata per la prima volta alla fine del mese di aprile per l’approvazione del Bilancio di Esercizio 2016 e l’elezione del Presidente, del Vice Presidente, del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale. L’Assemblea si svolgerà in due giorni, come previsto dal Regolamento elettorale.

Elenco dei Delegati

30/01/2017 Il Sole 24 Ore - Enpav: un percorso in continua crescita


Tante le novità dell’ultimo quinquennio per chi è iscritto e per chi si iscriverà.

10/01/2017 Elezioni Delegati Enpav per il quinquennio 2017/2022

L’Enpav ha trasmesso a tutti gli Ordini provinciali una circolare esplicativa e tutta la documentazione di supporto per lo svolgimento delle operazioni elettorali per il rinnovo dei Delegati provinciali Enpav, che dovranno tenersi entro il 28 febbraio del 2017.
 

28/07/2016 Fondo Atlante 2


Comunicato stampa

In questi giorni sulla stampa è circolata la notizia della richiesta del Governo alle Casse dei professionisti di investire nel fondo Atlante 2 per partecipare all’acquisto dei crediti deteriorati del MPS.

L'Assemblea dell'Adepp, riunitasi in via straordinaria lo scorso 25 luglio, ha deliberato a maggioranza dei presenti di sostenere l’iniziativa, rimettendo nel contempo la decisione ultima ai CdA delle varie Casse

Il Consiglio di Amministrazione dell’Enpav, riunitosi in data odierna, come peraltro già preannunciato in sede AdEPP, ha deliberato all’unanimità di non aderire alla richiesta e di non investire alcuna somma nel fondo Atlante2, ritenendo di non dover contribuire al risanamento del debito di MPS.

Le motivazioni a supporto della decisione si fondano innanzitutto sull’esigenza di rispettare la mission previdenziale del nostro Ente, che è quella di garantire un trattamento pensionistico adeguato agli iscritti, attuali e futuri.

Per fare questo, i nostri investimenti sono sempre stati orientati verso scelte più prudenti ed oculate.

D’altra parte non intendiamo tirarci indietro, anzi offriamo con convinzione il nostro sostegno ad iniziative per il rilancio del Paese.

Ma con altre modalità, ad esempio il finanziamento al risanamento dell’edilizia scolastica, che davvero e nel concreto vadano incontro alle esigenze della popolazione e possano contribuire alla ripresa economica generale, con le possibili ricadute positive anche per il rilancio della nostra professione che di questa crisi sta fortemente risentendo. Abbiamo interesse a tutelare i capitali che investiamo, che servono a pagare le pensioni, e a preservare l’economia nella quale operano i professionisti.

Pertanto, anche nel rispetto di tutti gli iscritti e della fiducia che ci hanno accordato eleggendoci quali amministratori dell’Enpav, abbiamo espresso il nostro voto contrario all’investimento nel fondo Atlante 2.


Il Presidente
Gianni Mancuso

Sottocategorie