Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

25/07/2014 AdEPP e Confprofessioni firmano con il Ministero del Lavoro protocollo sulla Garanzia Giovani

Il Presidente AdEPP, Andrea Camporese, il Presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella e il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, hanno firmato ieri un protocollo d’intesa sulle azioni, nell’ambito della Garanzia Giovani per favorire l’inserimento dei giovani professionisti nel mondo del lavoro attraverso la valorizzazione della formazione e del tirocinio.

I tre firmatari hanno così dato l’avvio ad una collaborazione sistemica finalizzata sia all’attuazione dello stesso Piano, promuovendo l’informazione sulle misure di politica attiva a sostegno dell’occupazione nel settore professionale, sia alla messa in campo di azioni specifiche che orientino ed accompagnino il giovane professionista nell’entrare in un mercato del lavoro in forte evoluzione che richiede sempre più professionalità, competitività e formazione continua, invertendo la tendenza attuale che vede i neo diplomati e neo laureati rimanere inattivi per lungo tempo.

09/07/2014 Operativo il programma LIFE

Sono usciti i bandi relativi al programma LIFE (evoluzione del programma Life+, avviato nel 1992).
LIFE cofinanzia progetti che contribuiscono allo sviluppo e all’attuazione della politica e del diritto in materia ambientale nei paesi dell’Unione Europea e in taluni paesi terzi.
I progetti possono essere presentati da operatori, organismi o istituti pubblici e privati.
LIFE prevede tre componenti, di cui la prima di particolare interesse per i Medici Veterinari:
  • Natura e biodiversità
  • Politica e governance ambientali
  • Informazione e comunicazione

La dotazione finanziaria del programma è di Euro 3.456.655.000.
I progetti finanziabili devono rispondere ai seguenti criteri:
  • rivestire un interesse comunitario contribuendo allo sviluppo, all'attuazione e all'aggiornamento della politica e della legislazione comunitarie nel settore dell'ambiente;
  • essere coerenti e fattibili sotto il profilo tecnico e finanziario, e presentare un rapporto costi-benefici soddisfacente;
  • soddisfare almeno uno dei criteri seguenti:
    1. riguardare le migliori pratiche o la dimostrazione in materia di protezione degli uccelli selvatici o degli habitat;
    2. essere progetti innovativi o di dimostrazione a livello comunitario attinenti ad obiettivi della politica in materia di ambiente;
    3. essere campagne di sensibilizzazione o di formazione nel campo della prevenzione degli incendi boschivi;
    4. riguardare il monitoraggio a lungo termine e su larga base, armonizzato e completo, delle foreste e delle interazioni ambientali.

Per ulteriori informazioni ed approfondimenti è possibile consultare il sito:
http://www.minambiente.it/pagina/programma-lambiente-e-lazione-il-clima-life-2014-2020

30/06/2014 False partite IVA: la risposta del Ministero del Lavoro

Il Ministero del Lavoro, rispondendo ad un interpello di Confindustria, ha chiarito che i professionisti, se iscritti ad un Albo, non possono essere considerati “false partite IVA” e quindi possono correttamente svolgere il proprio lavoro con le modalità proprie degli autonomi senza che ricorrano i presupposti della presunzione di lavoro subordinato.

I lavoratori autonomi (in base all’art.69 bis del DL 276/2003) devono essere considerati parasubordinati nel caso in cui ricorrano almeno due delle seguenti condizioni:

  • durata complessiva del rapporto di lavoro superiore a 8 mesi per due anni consecutivi
  • corrispettivo pari ad almeno l’80% delle entrate del collaboratore nell’arco di 2 anni solari
  • postazione fissa di lavoro presso una sede del committente


Il Ministero del Lavoro ha chiarito che queste condizioni non valgono qualora ricorrano determinate condizioni, tra le quali l’iscrizione all’Albo.

26/06/2014 Primo incontro Comitato Tecnico Eurelpro

Primo impegno per Gianni Mancuso, Presidente ENPAV, all’interno del Comitato Tecnico di Eurelpro, il gruppo di lavoro internazionale a sostegno dell’associazione europea.

Il Comitato si è riunito a Parigi lo scorso 18 giugno e ha esaminato il documento comunitario contenente le azioni previste a sostegno dei professionisti europei.

Gli assi lungo cui si svilupperà l’agire della Comunità saranno:

  • Educazione ed addestramento all’impresa
  • Accesso ai mercati
  • Riduzione degli oneri normativi
  • Accesso al credito
  • Rinforzo della partecipazione a livello europeo


Tra le proposte fuoriuscite dal Comitato, la predisposizione di una guida europea sulle misure di protezione sociale che gli enti privatizzati europei offrono ai loro iscritti.

Tra i 28 paesi membri esistono, naturalmente, diversi sistemi previdenziali e assistenziale, e il Comitato si propone di analizzarne le linee migliori.

E’, inoltre, fondamentale, la collaborazione con Eurostat (l’ISTAT europea) per la creazione di una banca dati sempre più precisa ed attendibile, così da consentire una maggiore forza politica e da capire quali paesi coinvolgere in Eurelpro.

Attualmente, i paesi che ne fanno parte sono: Italia, Francia e Germania (paesi fondatori), cui si sono aggiunti successivamente Austria, Spagna e Portogallo.

Sottocategorie