Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Il Modello 1/2018 è online.


Compilalo nella tua area personale entro il 30 novembre.

Chi deve compilarlo? Tutti coloro che nel 2017 sono stati iscritti all’Ordine professionale, anche solo per un giorno e anche se non hanno prodotto redditi da libera professione.

Nuovo layout per una compilazione ancora più facile e intuitiva. Da quest’anno il Modello ha una nuova veste grafica ed è stato suddiviso in diversi “Quadri” in base alla tipologia di informazioni richieste e al tipo di reddito professionale da dichiarare.

Hai bisogno di aiuto? Clicca sulle Guide. Durante la compilazione troverai dei bottoni di “aiuto” per accedere a delle mini-guide che contengono chiarimenti e informazioni tecniche.

Hai sbagliato qualcosa? Entro il 30 novembre puoi rettificare il Modello1 direttamente nella tua area personale con la funzione “Rettifica Modello1”. Dopo questa data è necessario utilizzare il modulo cartaceo e sono previste sanzioni per la ritardata presentazione.

Rispetta la scadenza del 30 novembre 2018 per non incorrere in sanzioni. A conferma dell’invio puoi stampare in qualsiasi momento la ricevuta digitale nella sezione “Documentazione → Ristampa → Ricevuta Modello1/2018”.

Contributi eccedenti. Al termine della compilazione saprai se ci sono dei contributi eccedenti da versare. Per il pagamento troverai i bollettini nella sezione “Consultazione M.Av./SDD” a partire dalla prima settimana di dicembre. La scadenza per il pagamento è il 28 febbraio 2019.

Chiedi la rateazione a partire da € 4.248,00. Entro il 31 gennaio, con la funzione “Rateazione M.Av. Eccedenze” puoi suddividere il pagamento dei contributi eccedenti in 6 rate, con la prima da versare entro il 28 febbraio e le restanti i mesi successivi.

Avviso


  1. L’attestazione dei versamenti del 2017 è disponibile nell’area riservata di Enpav Online, nella sezione “Documentazione Ristampa”

  2. I M.Av. per il pagamento dei contributi minimi 2018 sono disponibili nell’area riservata di Enpav Online nella sezione “Consultazione M.Av. S.D.D.”

Contributi eccedenti Modello1 2017: scadenza il 28 febbraio

I bollettini M.Av. per il pagamento dei contributi eccedenti relativi al Modello1 2017 sono disponibili nell’area personale di EnpavOnline nella sezione “Consultazione M.av./S.D.D”.

La scadenza per il pagamento è il 28 febbraio 2018.

Calcolo dei contributi eccedenti → per il calcolo del contributo soggettivo per il Modello 1 2017 viene applicata l’aliquota del 13,5 % sul reddito professionale eccedente il reddito convenzionale di € 15.650,00 fino a un reddito di € 92.600,00 (oltre tale limite l’aliquota è il 3%).
Per il contributo integrativo l’aliquota rimane ferma al 2% del totale dei compensi.

Pagamento dei contributi →
Se l’importo dovuto è inferiore a 1.500,00 Euro, sono disponibili:
  • 1 bollettino M.Av. per il contributo soggettivo eccedente, con scadenza 28 febbraio
  • 1 bollettino M.Av. per il contributo integrativo eccedente, con scadenza 28 febbraio

Se l’importo dovuto è pari o superiore a 1.500,00 Euro l’ammontare è diviso in 2 bollettini per ogni tipo di contributo:
  • 2 bollettini M.Av. dello stesso importo e scadenza 28 febbraio per il contributo soggettivo eccedente
  • 2 bollettini M.Av. dello stesso importo e scadenza 28 febbraio per il contributo integrativo eccedente

Rateazione M.Av. Eccedenze → se l’ammontare dei contributi eccedenti da versare è pari o superiore a Euro 4.091,25 è possibile richiedere il pagamento in 6 rate con la funzione “Rateazione M.Av. Eccedenze” presente nell’area personale di EnpavOnline.

In questo modo la prima rata avrà scadenza il 28 febbraio e le altre i 5 mesi successivi. Ogni rata è comprensiva dei soli interessi al tasso legale.

La richiesta di Rateazione M.Av. Eccedenze può essere fatta entro il 31 gennaio 2018 se la tua posizione contributiva è regolare.

Modelli di dichiarazione precompilati – Contributi Enpav non inseriti per circa 15.000 veterinari

 

A causa di un’errata interpretazione delle specifiche tecniche contenute nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate “Comunicazioni all'anagrafe tributaria dei dati relativi ai contributi previdenziali”, per 14.993 veterinari, si è verificata la mancata presenza sui modelli precompilati dei contributi previdenziali versati all’Enpav.

L’Enpav ha comunque successivamente ritrasmesso all’Agenzia delle Entrate i dati relativi a detti contributi previdenziali.

In merito all’accaduto l’Agenzia delle Entrate ha precisato che “  I dati inviati oltre il termine saranno comunque utilizzati al fine di effettuare controlli sulla correttezza di quanto riportato dal contribuente in dichiarazione”.

L’Enpav ha informato  i veterinari interessati e ha fornito le seguenti indicazioni utili per modificare la dichiarazione precompilata:

“Coloro che intendano utilizzare i modelli precompilati messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, qualora verificassero la mancanza dei contributi previdenziali versati all’Ente, possono scaricare nell’area riservata del sito dell’Enpav il documento di attestazione dei versamenti 2016 (menù “documentazione/Ristampa”) e procedere alla modifica della dichiarazione precompilata.

Si ricorda che anche per la deducibilità del contributo integrativo rimasto a carico del contribuente (comunicazione dell’Agenzia delle Entrate prot. 2006/65356) è necessario provvedere alla modifica della dichiarazione precompilata.”