Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Emergenza Sanitaria Covid-19 - Le decisioni del Consiglio di Amministrazione


Il Consiglio di Amministrazione dell’Enpav, riunitosi il 26 marzo, in considerazione dell’eccezionale situazione di emergenza da Covid-19, ha deliberato le prime misure straordinarie a favore dei Medici Veterinari.

Queste sono le misure ad ora già attive:
  • SOSPENSIONE PAGAMENTI CONTRIBUTI
    Congelate fino al mese di settembre 2020 tutte le scadenze dei pagamenti relative ai contributi e a tutte le rateazioni in corso per riscatti, ricongiunzioni e contribuzioni pregresse.

  • SOSPENSIONE RATE PRESTITI
    Su richiesta sospeso fino a settembre il pagamento delle rate dei prestiti già erogati dall’Ente.

  • SUSSIDI STRAORDINARI PER COVID-19
    Previsti sussidi economici straordinari a favore dei colleghi, con un importo differenziato a seconda della gravità dell’evento:
    • 4000 Euro per chi è stato ricoverato in ospedale in terapia intensiva
    • 2000 Euro per chi è stato ricoverato in ospedale, ma non in terapia intensiva
    • 1000 Euro per i liberi professionisti a cui siano stati prescritti da Asl, Ats o ordinanza, l’isolamento domiciliare obbligatorio o la quarantena.

    Dal 30 marzo sarà disponibile la modulistica per richiedere il sussidio.

  • FINANZIAMENTI AGEVOLATI
    E’ stato inoltre deciso di concedere finanziamenti agevolati a favore dei colleghi che hanno subito una diminuzione del fatturato a causa del Covid-19. Sarà data la precedenza a coloro che si trovano nelle zone maggiormente colpite dall’emergenza sanitaria.

    Si tratta di prestiti, che saranno erogati entro la disponibilità di un fondo straordinario, fino ad un importo massimo di 10.000 Euro ad un tasso agevolato dello 0,75% e pagamento della prima rata posticipato di 24 mesi.

    Potranno accedere a questi finanziamenti coloro che hanno subito una riduzione del fatturato del 30% nei primi tre mesi dell’anno corrente, rispetto all’ultimo trimestre del 2019.


Entro il mese di aprile saranno disponibili la modulistica e le modalità operative per richiedere il finanziamento.

“Continuiamo a lavorare come Consiglio”, ha dichiarato il Presidente Mancuso “per rendere la situazione quanto più sostenibile per tutti i Medici Veterinari e si prosegue, inoltre, con le altre Casse dell’AdEPP a lavorare per ottenere flessibilità dal Governo circa l’uso dei nostri fondi per estendere anche ai professionisti iscritti agli Albi il contributo di 600 Euro che il Decreto Cura Italia ha al momento riconosciuto solo ai lavoratori autonomi.
Stiamo dialogando col Governo, affinché venga riconosciuta a tutte le Casse dei Professionisti l'autonomia di svolgere ulteriori interventi a favore dei colleghi, utilizzando una parte del rendimento proveniente dai nostri investimenti”.

27 marzo 2020



OPERATIVITA’ UFFICI DELL’ENTE – EMERGENZA SANITARIA Covid-19


AVVISO

Per contenere i rischi di diffusione da virus COVID-19, come previsto dal DPCM 11 marzo 2020, l’Enpav ha disposto, a partire dal prossimo 16 marzo, lo svolgimento delle attività da parte del personale dipendente in modalità smart working.

Sarà garantita da remoto la continuità dell’azione amministrativa e l’erogazione delle prestazioni istituzionali.

Ci scusiamo in anticipo di eventuali disservizi che si dovessero verificare.

Al fine di garantire comunque la dovuta assistenza, restano attivi il consueto servizio di contatto telefonico ai numeri 06492001 e 800902360 ed i nostri canali social.

Si invita ad utilizzare in via preferenziale il contatto tramite posta elettronica scrivendo a:

enpav@enpav.it
enpav@pec.it
assistenza.associati@enpav.it

INSIEME POSSIAMO FARCELA

Cari Colleghi,
stiamo vivendo una situazione nuova a causa dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, cui nessuno di noi era preparato.

Da Presidente dell’Enpav e da Collega libero professionista tengo a dirvi che mi rendo ben conto delle preoccupazioni che assillano la gran parte di noi.

Oltre a constatare una notevole diminuzione della attività professionale, dobbiamo occuparci delle nostre famiglie, dei nostri figli a casa dalla scuola, dei nostri anziani che sono i più esposti in questo frangente.

Nel contempo, grazie alla nostra competenza medico-scientifica siamo chiamati, insieme a tutte le figure istituzionali, a promuovere una corretta informazione sui rischi da CoronaVirus e sulle misure igieniche da adottare, nonché a smontare le tante falsità che stanno circolando sui media.

Nei giorni scorsi ho avuto conversazioni con molti colleghi, di varie parti d'Italia, e la domanda ricorrente è stata: "cosa può fare l'ENPAV per aiutarci?".

Insieme ai Colleghi del Consiglio di Amministrazione abbiamo deciso di sospendere e posticipare il pagamento di tutti i contributi previdenziali in scadenza fino al 31 maggio incluso. Vi comunicheremo successivamente i termini e le modalità di versamento dei contributi sospesi, tramite i nostri canali informativi (sito web, mail, social media, etc ...), tenendo nella dovuta considerazione la situazione di difficoltà che questa emergenza epidemiologica sta causando e continuerà a causare anche nelle prossime settimane.

Due ulteriori decisioni del Consiglio di Amministrazione riguardano la sospensione, a richiesta, del pagamento delle rate dei Prestiti e la sospensione temporanea delle Borse Lavoro Giovani.

Vi informo, inoltre, di avere sollecitato l'ADEPP (associazione cui aderiscono le 20 Casse dei professionisti italiani, in rappresentanza di 1,6 milioni di persone) a chiedere al Governo una modifica dell'articolo 16 del Decreto-legge 9/2020, che ha introdotto una indennità a sostegno dei lavoratori autonomi, ma che ha assurdamente escluso i liberi professionisti.

Nel congedarmi da voi, tengo molto ad evidenziare che per me, per noi del Consiglio di Amministrazione, siete 30.000 persone, 30.000 Colleghi, non siete mai stati dei numeri.

Il mio saluto più cordiale

Roma 12 marzo 2020

Il Presidente Enpav
Gianni Mancuso

Enpav ricerca immobili


Enpav ricerca immobili cielo-terra a Roma e Milano (per quest’ultima preferibilmente Zone Centro, Quadrilatero della moda, ambito circonvallazione interna e Porta Nuova) di tipologia direzionale e commerciale, a reddito.

Saranno valutati anche immobili da ristrutturare con accordi economici già in essere.

L’Ente prenderà in considerazione proposte di investimento immobiliare con risvolti sull’economia reale italiana e con caratteristiche di ecosostenibilità.

Le offerte rispondenti alle caratteristiche generali sopra indicate dovranno essere inviate al seguente indirizzo mail: settoreimmobiliare@enpav.it.