Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Politica Qualità


L'Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Veterinari (ENPAV), è un ente associativo senza scopo di lucro, non commerciale, con personalità giuridica di diritto privato, che espleta, con autonomia gestionale, organizzativa e contabile, le funzioni di previdenza e, compatibilmente con le disponibilità di bilancio, svolge attività di assistenza, in favore della Categoria dei Veterinari. L’attività istituzionale svolta dall’ENPAV consiste nel garantire adeguate prestazioni previdenziali ed assistenziali ai Veterinari, secondo quanto previsto dall’art. 38 della Costituzione italiana.

L’Ente, nel perseguire i propri obiettivi, desidera rappresentare una Veterinaria moderna e articolata formata da professionisti che svolgono il loro lavoro in vari ruoli, pubblici, privati e convenzionati, sempre più unita per dare il proprio contributo alla società.

Per questo motivo l’ENPAV vuole perseguire il raggiungimento di standard elevati in merito a:
  • i servizi forniti, sempre più diversificati al fine di comprendere anche quelli rivolti al miglioramento del percorso professionale dei Medici Veterinari iniziando dall’Università, garantendo in questo modo la necessaria equità tra le generazioni di iscritti;
  • i sistemi di comunicazione, che devono essere innovativi, sicuri e pratici, riducendo tempi e costi per tutte le parti interessate e nel contempo proteggendo i dati personali e particolari degli iscritti;
  • gli adempimenti amministrativi, legali, fiscali e gestionali, che necessitano di trasparenza, semplificazione ed efficienza, garantendo la sostenibilità del sistema e il rispetto dei requisiti cogenti;
  • l’efficienza ed efficacia dei propri processi, per venire incontro alle esigenze dei propri iscritti e soddisfare le richieste che pervengono dagli stessi in conformità con i requisiti dello standard internazionale UNI EN ISO 9001:2015;
  • la creazione a tutti i livelli organizzativi di una mentalità basata sul rischio, al fine di identificare ed investigare le aree critiche e individuare le opportunità che possono essere utilizzate per migliorare i processi;
  • la conoscenza delle regole e delle procedure e la loro condivisione, al fine di consentire un migliore controllo delle attività e l’assunzione di responsabilità consapevoli in capo ai collaboratori, nonché una loro crescita professionale;
  • la scelta di fornitori affidabili con i quali intraprendere rapporti duraturi, al fine di soddisfare le esigenze dell’Ente e dei propri iscritti, sempre in conformità al Codice degli Appalti e alla trasparenza degli atti.

Per il raggiungimento di questi standard, il Consiglio di Amministrazione individua i seguenti indirizzi strategici che costituiscono un quadro strutturale sulla base del quale stabilire gli obiettivi direzionali e operativi dell’Ente.

Previdenza: in questo ambito si considerano fondanti i principi di equità intergenerazionale, sostenibilità della gestione e adeguatezza delle prestazioni; l’implementazione di sistemi per il monitoraggio dell’adeguatezza delle prestazioni e del gettito contributivo prodotto in relazione al fatturato e al reddito complessivi della Categoria e l’attivazione di politiche ispettive più incisive.

Welfare Assistenziale: si mira ad un incremento degli investimenti in welfare con ampliamento delle finalità assistenziali da perseguire, con particolare riferimento alle fasce deboli dei propri associati.

Lavoro/ Welfare strategico: si prevede di continuare il percorso di informazione/ formazione necessario per coloro che, appena laureati, si trovano ad affrontare l’impatto con il mondo del lavoro e con gli enti istituzionali, favorendone l’inserimento; studio e sperimentazione di strumenti di promozione e sostegno all’attività professionale e al reddito dei propri associati, con particolare riguardo ai giovani iscritti; approfondimento sui nuovi ruoli e nuovi ambiti per i quali è richiesta la professionalità dei Medici Veterinari, con uno sguardo anche all’estero ed in particolare all’Europa.

Organizzazione e gestione: l’efficacia operativa della struttura è elemento fondamentale per ogni processo interno/esterno in cui l’Ente è coinvolto. Per questo motivo, è necessario perseguire l’attività di formazione ed aggiornamento del personale, in un’ottica di miglioramento e certificazione delle competenze. La gestione deve essere basata su un sistema di controllo interno, fondato su regole e procedure volte a conseguire, attraverso un adeguato processo d’identificazione, misurazione e monitoraggio, i principali risultati in linea con gli obiettivi prefissati. Occorre inoltre perseguire la preparazione di un’adeguata linea manageriale all’interno delle Direzioni, necessaria per garantire il ricambio generazionale al momento opportuno. Pianificare attività di formazione ed aggiornamento per gli amministratori degli Organi dell’Ente, per le segreterie degli Ordini, per gli iscritti.
Consolidare e incrementare con nuovi strumenti, anche social, l’attività di informazione agli iscritti.

La politica per la qualità, così enunciata e sottoscritta dal Consiglio di Amministrazione, è resa nota a tutto il personale mediante affissione nei vari reparti della sede e alle parti interessate tramite pubblicazione sul sito WEB dell’Ente.

ROMA, 20 GIUGNO 2019
IL PRESIDENTE
GIANNI MANCUSO